WordPress: Tema vs Page Builder

Quali sono le differenze tra un tema di WordPress ed un page builder?

Esalabel utilizza un page builder veloce, ottimizzato e moderno. In questo articolo ti spiego i vantaggi e gli svantaggi di questa scelta e quali sono le principali differenze. Scopriamole insieme.

Cos’è un tema?

Un tema WordPress è un layout preconfezionato. Il design e le impostazioni di visualizzazione del tuo sito web potranno essere personalizzati in modo molto lieve. Un tema WordPress è essenzialmente ciò che devi installare e attivare per vestire il tuo sito Web e dargli un aspetto ed uno stile coerenti.

Se hai conoscenze base di codice, puoi modificare altri elementi del tuo tema aggiungendo CSS o PHP personalizzato al tuo tema. Tuttavia, poiché ogni tema ha una propria struttura di dati, se lo aggiorni, WordPress non salverà le modifiche e dovrai modificarlo nuovamente.

Pro:

Contro:

Cos’è un page builder?

Un costruttore di pagine è un modo più completo per creare un aspetto unico per il tuo sito web WordPress. Invece di selezionare un tema e quindi apportare lievi personalizzazioni al tema generale, un website builder, ti consente di approfondire e personalizzare quelle singole pagine e post all'interno del tuo tema WordPress.

Un page builder è essenzialmente un plug-in di WordPress che ti consentirà di personalizzare il tuo sito web in modo avanzato, senza dover modificare le impostazioni del tema o creare altre righe di codice personalizzate.

Pro:

Contro:

Esistono diversi page builder, dai più performanti ai più pesanti. Noi di Esalabel utilizziamo esclusivamente Oxygen Builder, uno tra i più leggeri, performanti e versatili attualmente in commercio, totalmente esente da "bloats", codici inutili che appesantiscono la pagina e da "div inception", ovvero contenitori dentro contenitori, dentro contenitori, esattamente come i sogni nel film Inception, con Leonardo Di Caprio.

Queste sono le principali (e sostanziali!) differenze. E tu? Tema vs Page builder, cosa scegli?

Potrebbe interessarti anche: Siti ecosostenibili: come creare un sito web green